Multiamo gli abusi di potere…

autovelox-2

Ormai prendere una multa per eccesso di velocità o per aver parcheggiato in doppia fila è entrato nella quotidianità (anche se così non dovrebbe essere). D’altronde a chi non è mai capitato di trovare un avviso sul finestrino della propria autovettura? Alla maggior parte degli automobilisti presumo. La situazione è differente se la multa la prende il sindaco del nostro paese, cittadino che dovrebbe dare l’esempio (anche se sbagliare è umano), ma la cosa più grave è se la multa presa dal primo cittadino viene fatta pagare ai residenti del comune. E’ successo a Pisa, sulla Fi-Pi-Li, dove l’auto con a bordo il sindaco Marco Filippeschi, è stata beccata e di conseguenza multata per eccesso di velocità. Cosa esilarante è che la multa è stata rilevata da un autovelox messo proprio pochi giorni fa dallo stesso sindaco ma cosa assai più sgradevole è che appunto la contravvenzione, di un costo esiguo, pari a 349 euro, è stata fatta pagare, tramite una delibera di Filippeschi, alla collettività; giustificandosi dicendo che ha chiesto all’autista di accellerare a causa di un impegno istituzionale, ma come ricordato dai Cobas (sindacati italiani, la cui connotazione, alternativa a quella dei sindacati confederali, fa riferimento all’essere organizzati a livello locale e non in forma verticistica) si può invocare una scusa del genere (lo stato di necessità) solo in casi particolari come un ferito a bordo, trasporto di sangue o di una partoriente. Insomma un vero è proprio abuso di potere che come afferma Maurizio Bini, consigliere comunale, “Se fosse vero sarebbe gravissimo”. Ma questo non vale solo per il sindaco di Pisa, ma anche per tutti quei governanti che fanno ricadere i loro problemi sulle spalle dei cittadini.

Piccolo Sfogo

Mica noi siamo i servi della gleba,  gli schiavi dello Stato, a mio parere dovrebbe essere l’esatto contrario, lo Stato dovrebbe essere il servo dei cittadini e non viceversa. Perché lo Stato siamo noi, sono i contadini, i mercanti, i piccoli imprenditori, è il popolo lo Stato e non tre o quattro fantomatici politici.  Lo stato è la gente comune, non deve essere nelle mani dei potenti. Noi avremmo il potere di mandarli a casa quando ci pare e piace ma non lo facciamo, perché teniamo al nostro paese e non vogliamo affondare nel baratro. Ma loro no, loro con tutti i loro privilegi, vitalizi, doppie pensioni, auto blu e stipendi da favola sguazzano nell’ipocrisia e nei guai dell’Italia, fregandosene  altamente di come è davvero qua giù, giù perché loro stanno sù? No signore. Lo stato dovrebbe risolvere i problemi dei cittadini non far ricadere i suoi problemi su di noi. Prima o poi anche loro scenderanno dal piedistallo, e cosa si troveranno tra le mani? Un paese piano di macerie e di diffidenza. Se noi non avessimo pagato una multa, quante lettere e quanto richiami ci avrebbero mandato, intimando un pagamento? E perché un sindaco, solo perché è il primo cittadino, ha il potere di non pagare, anzi far pagare a noi, una multa?

Annunci

One thought on “Multiamo gli abusi di potere…

  1. Hai detto bene… Lo Stato ormai è nelle mani della gente di potere e noi siamo il povero popolo che incassa tutto cio’ che loro stabiliscono o fanno… Penso che ognuno di noi nel proprio piccolo dovrebbe impegnarsi a far valere i propri diritti e alzare la voce per invocare un mondo migliore senza piu’ questo calare la testa e accettare accettare… Insieme bisogna iniziare a pensare ad un futuro diverso.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...