L’inizio di un sogno

Tonno-Callipo-Vibo-Valentia

E’ proprio vero le cose più belle sono quelle che durano meno nel tempo. Ieri c’è stata, durante la conferenza stampa, presso il Palazzetto dello Sport, la conferma dal presidente Pippo Callipo, che per problemi di tipo economico è costretto a far retrocedere la squadra che con tanti sacrifici ha portato nella serie A. Una squadra che ha Vibo non era solo una squadra ma molto di più. La Tonno Callipo, a Vibo, era una fantastica realtà, un motivo di orgoglio per tutti i vibonesi ma anche per tutti i calabresi; forse una delle poche realtà che veramente funzionava nel territorio calabrese. La soppressione di questa “creatura” è stata per Pippo Callipo dolorosissima. Un dolore morale che il presidente ha tramutato in dolore fisico. Durante la conferenza non sono mancati richiami forti alle istituzioni che hanno abbandonato completamente questo “gioiellino”. Il presidente ha affermato che aiuti di tipo economico sono stati dati solamente da Gaetano Bruni. I suoi successori, dal presidente De Nisi in poi, hanno solamente rilasciato una delibera di 150 mila euro. E come dichiarato da Pippo Callipo: “Delibera è rimasta“. Un foglio di carta che la società non è mai riuscita ad incassare. Aiuti concreti sono stati dati solamente con la costruzione del vecchio e nuovo Palazzetto e con i costi dell’energia e del gas. Adesso però, dal 26 aprile, la società è dovuta subentrare nella fornitura della corrente elettrica, che è stata tagliata dal comune. I costi per sostenere un campionato di una stagione in A1 sono stati di 2 milioni di euro. 2 milioni di euro che, come ha specificato il presidente Callipo, sono stati gestiti con vera oculatezza e risparmio. Nella stagione 2012-2013 la società ha incassato 85 mila euro con le partite casalinghe, ricavi per la vendita di merchandising di 5 mila euro e sponsor per 50 mila euro. Che in totale fa 140 mila euro. Il costo effettivo per la società è pari a 1.860.000,00 euro. Poche, quasi assenti, sono state le partecipazioni delle istituzioni. Ma sopratutto poca è stata la partecipazione di una città, mi riferisco a Vibo e dintorni, che non ha saputo cogliere l’importanza che questa realtà significava per la Calabria. Questo periodo di crisi, che ha colpito persino il settore alimentare, ha portato il presidente a fare dei tagli alla sua ciliegina sulla torta, salvaguardando le centinaia di famiglie cha lavorano nella sua azienda. Una provincia assente ed una regione menefreghista ha portato la Tonno Callipo a questa decisione. Alla decisione di retrocedere. Non riesco a credere che non si sono potuti, in tutti questi anni, trovare dei fondi per aiutare la pallavolo a Vibo. Fondi che potevano essere spesi sicuramente meglio investendoli nella Tonno, che per Miss Italia a Reggio. Forse, la notizia più bella è che, la Tono non uscirà dal panorama pallavolistico ma retrocederà in B1. Nessuno ci vieterà di sognare e magari immagginare, tra due o tre anni, una Tonno di nuovo trionfante  in un campionato prestigioso come quello di A1.

Aggiornamento: Il Presidente Pippo Callipo, dopo attente e condivise valutazioni con lo staff dirigenziale della Volley Tonno Callipo e con i Dirigenti della Callipo Group, ha – con una nota stampa ufficiale – ufficializzato la decisione di voler iscrivere la squadra al prossimo campionato nazionale di Serie A1.

Annunci

One thought on “L’inizio di un sogno

  1. E’ davvero un peccato!!! Questa è l’ennesima dimostrazione che anziche’ apprezzare e valorizzare le cose belle che abbiamo e ci danno orgoglio li lasciamo affondare nel baratro senza fare nulla per evitare che questo accada. Vergogniamoci … Non si puo’ essere passivi e menefreghisti in questo modo nei confronti di cose che sono nostre…della nostra terra… Mah!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...