Il potere di Change.org

Un anno fa abbiamo lanciato in Italia Change.org, la più grande piattaforma di attivismo online al mondo. Ad oggi oltre un milione e ducentomila persone hanno sostenuto le centinaia di campagne lanciate nel nostro Paese.

Siamo orgogliosi del fatto che grazie a Change.org sempre più persone hanno trasformato le loro proposte in realtà. Ma siamo solo all’inizio: grazie al web tutti possono proporre il cambiamento che gli sta a cuore e ottenerlo grazie alla mobilitazione di migliaia di persone.

Sotto puoi vedere alcune campagne che sono state vinte in questo anno. Prendi ispirazione da queste vittorie per essere tu il protagonista del cambiamento che vuoi ottenere. Lancia adesso la tua petizione.

Salvatore, Sergio e Elisa di Change.org

Schermata 2013-06-27 alle 09.30.43

 

Schermata 2013-06-27 alle 09.30.53

 

Schermata 2013-06-27 alle 09.31.01

 

Schermata 2013-06-27 alle 09.31.09

 

Schermata 2013-06-27 alle 09.31.22

 

Schermata 2013-06-27 alle 09.31.34

 

Schermata 2013-06-27 alle 09.31.47

 

Schermata 2013-06-27 alle 09.31.56

Anonymous contro Casapound!

Anonymous_emblem.svg

« Noi siamo Anonymous. Noi siamo legione. Noi non perdoniamo. Noi non dimentichiamo. Aspettateci! ». Questo è il motto di Anonymous, gruppo di hacker internazionale che intraprende azioni e proteste mediante l’attacco web e DDos. L’origine del nome si ispira, come avrete sicuramente capito, all’anonimato e alla volontà di agire senza identificarsi. Questa specie di associazione è attiva a livello internazionale ed in Italia è rappresentata e si esprime mediante il suo blog: http://anon-news.blogspot.it. Ultimamente Anonimous Italia ha lanciato una petizione con la correlata raccolta firme per chiudere Casapound, partito che si dichiara fascista e che si è perfino presentato alle ultime elezioni. Diversi membri di questo partito hanno dato vita ad azioni di violenza e di razzismo come: l’uccisione di due senegalesi oppure l’attentato incendiario di alcuni negozi ebrei. Insomma un vero e proprio movimento fascista moderno. L’eliminazione di questo partito dal panorama italico era stato proposto dall’allora senatrice a vita Rita Levi-Montalcini, che però non ha trovato approvazione vista la caduta del Governo. La petizione lanciata appunto da Anonymous chiede al Presidente della Repubblica e al futuro Governo, avvalendosi della legge 1952 n.645 art. 4, la quale afferma lo scioglimento e l’eliminazione alle associazioni fasciste, di chiudere Casapound. Insomma Anonymous Italia chiede fortemente la cancellazione di questo pseudo-partito affermando che il fascismo lede alla libertà e all’uguaglianza dei cittadini.

Per firmare la petizione contro Casapound clicca sull'immagine

Per firmare la petizione contro Casapound clicca sull’immagine